UNESCO
RACCOMANDAZIONE SULL'EDUCAZIONE ALLA COMPRENSIONE,
ALLA COOPERAZIONE E ALLA PACE INTERNAZIONALE E SULL'EDUCAZIONE
RELATIVA AI DIRITTI DELL'UOMO E ALLE LIBERTA' FONDAMENTALI

(Adottata nel corso della XVIII Sessione della Conferenza Generale dell'UNESCO - Parigi, 19 novembre 1974)


La Conferenza Generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura, riunitasi a Parigi dal 17 ottobre al 23 novembre 1974, nella sua diciottesima sessione,

Consapevole della responsabilità che incombe agli Stati di raggiungere attraverso l'educazione gli obiettivi enunciati dalla Carta delle Nazioni Unite, l'Atto costitutivo dell'Unesco, la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo e le Convenzioni di Ginevra per la protezione delle vittime di guerra del 12 agosto 1949, al fine di promuovere la comprensione, la cooperazione e la pace internazionali ed il rispetto dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali,

Riaffermando la responsabilità che incombe all'Unesco di suscitare e di sostenere ogni azione tendente ad assicurare l'educazione di tutti in vista della giustizia, della libertà dei diritti dell'uomo e della pace,

Constatando nondimeno che l'azione esercitata dell'Unesco e dai suoi Stati membri tocca a volte solo un'infima parte della sempre crescente massa di scolari, di studenti, di giovani e di adulti che continuano la loro educazione, degli educatori, e che i programmi e metodi di educazione a vocazione internazionale non sempre corrispondono ai bisogni e alle aspirazioni dei giovani e degli adulti che vi partecipano,

Constatando d'altra parte, che troppo grande è il divario tra gli ideali proclamati, le intenzioni dichiarate e la realtà,

Dopo aver deciso, in occasione della sua diciassettesima sessione, che questa educazione sarà oggetto di una raccomandazione agli Stati membri,

Adotta il diciannove novembre 1974, la presente raccomandazione.

La Conferenza Generale raccomanda agli Stati membri di applicare le disposizioni seguenti adottando, sotto forma di legge nazionale o meno, seguendo la pratica costituzionale di ogni Stato, le misure idonee in modo da dare effetto, nei territori sotto loro giurisdizione, ai principi formulati nella presente raccomandazione.

La Conferenza Generale raccomanda agli Stati membri di portare la presente raccomandazione a conoscenza sia delle autorità, servizi od organismi responsabili dell'educazione scolastica, superiore ed extrascolastica sia delle diverse organizzazioni che esercitano un'azione educativa tra i giovani e gli adulti quali i movimenti di studenti e della gioventù, le associazioni dei genitori di alunni, i sindacati di insegnanti e le altre parti interessate.

La Conferenza Generale raccomanda agli Stati membri di presentare, alle date e sotto la forma che essa determinerà, rapporti concernenti il seguito da essi dato alla presente raccomandazione.

I. SIGNIFICATO DEI TERMINI

II. CAMPO DI APPLICAZIONE

III. PRINCIPI DIRETTIVI

IV. POLITICA, PIANIFICAZIONE ED AMMINISTRAZIONE NAZIONALI

V. ASPETTI PARTICOLARI DELL'APPRENDISTATO, DELLA FORMAZIONE E DELL'AZIONE

Ambiti etico e civico

Ambito culturale

Studio dei principali problemi dell'umanità

Altri ambiti

VI. AZIONE NEI DIVERSI SETTORI EDUCATIVI

VII. PREPARAZIONI DEGLI EDUCATORI

VIII. MEZZI E MATERIALI EDUCATIVI

IX. RICERCA E SPERIMENTAZIONE

X. COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

 


Accademia Nazionale dei Lincei
Palazzo Corsini - Via della Lungara, 10 - 00165 Roma
Telefono (+39) 06 680271 - Fax (+39) 06 6893616
Posta elettronica segreteria@lincei.it