ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI

00165 ROMA -- PALAZZO CORSINI -- VIA DELLA LUNGARA, 10

 

CONCORSO A QUATTRO BORSE Dl PERFEZIONAMENTO NEGLI STUDI

Dl BIOMEDICINA E BIOLOGIA <<DOTT. GIUSEPPE GUELFI>> PER IL 1998

 

L'Accademia Nazionale dei Lincei bandisce un concorso a quattro borse di perfezionamento "Dott. Giuseppe Guelfi", 2 negli studi di biomedicina e 2 negli studi di biologia.

Le borse, della durata di un anno, non sono rinnovabili. L'ammontare di ciascuna borsa è di L. 15.00.000.

Al concorso possono partecipare cittadini italiani laureati in Medicina e Chirurgia o in Scienze Biologiche, da non piu di tre anni alla data del presente bando, che intendano eseguire ricerche di Scienze Biomediche o di Scienze Biologiche presso Istituti delle Università di Firenze, Pisa, Siena o presso la Scuola Normale Superiore di Pisa.

La Commissione, graduati i candidati in base ai titoli presentati, può sottoporre quelli in possesso di titoli adeguati ad un colloquio per la scelta definitiva. Le predette borse Guelfi non sono cumulabili con quelle concesse ai vincitori da altri Enti, né con assegni o sovvenzioni di analoga natura e non potranno essere cumulate neppure con stipendi o retribuzioni di qualsiasi tipo, derivanti da rapporti di lavoro pubblico o privato.

Le domande, redatte in carta libera e dirette al Presidente dell'Accademia, devono essere inviate alla Segreteria dell'Accademia Nazionale dei Lincei (Via della Lungara, 10 - 00165 Roma), entro il 29 novembre 1997 (data del timbro postale).

Su tali domande i concorrenti dovranno dichiarare, sotto la propria responsabilità:

- i dati anagrafici;

- il tipo di laurea conseguita con relativa data e con specificazione del voto finale nonchè delle votazioni riportate nei singoli esami di profitto;

- di aver assolto gli obblichi di leva o di essere in grado di ottenere il rinvio del servizio militare per tutto il periodo di godimento della borsa.

I concorrenti dovranno allegare alle domande la seguente documentazione:

- curriculum;

- lettera di presentazione del Direttore dell'lstituto in cui è stato eseguito il lavoro per la tesi di laurea;

- specifico programma di ricerca da eseguirsi presso l'Università prescelta accompagnato dal benestare del Direttore dell'lstituto presso il quale il candidato intende recarsi;

- una copia della tesi di laurea;

- una copia di ogni eventuale pubblicazione o titolo.

Non è ammessa la presentazione di domande o lavori fatta personalmente negli Uffici dell'Accademia da parte degli interessati o di persona da loro incaricata.

La Commissione giudicatrice è composta di tre membri nominati dalla Classe di Scienze Fisiche, Matematiche e Naturali, prescelti tra i Soci della Categoria di Scienze Biologiche e Applicazioni.

Il giudizio della Commissione è inappellabile.

Il periodo di godimento della borsa non può essere differito per più di tre mesi.

I borsisti gordranno per tutta la durata della borsa di una assicurazione per infortuni di laboratorio.

La somma corrispondente alla borsa sarà versata in rate quadrimestrali anticipate. Per il pagamento delle rate successive alla prima, i borsisti devono inviare una dichiarazione di frequenza e di profitto firmata dal Direttore dell'Istituto.

E in facoltà insindacabile dell'Accademia dei Lincei, sentito il parere del Direttore dell'Istituto presso cui gli assegnatari delle borse lavorano, di interrompere il pagamento delle rate, con preavviso di almeno un mese, qualora non giudicasse soddisfacente il profitto degli studi e del lavoro da essi compiuto.

Entro tre mesi dalla fine del periodo di godimento della borsa, i borsisti sono tenuti a trasmettere al Presidente dell'Accademia una relazione sul lavoro compiuto (approvata dal Direttore dell'Istituto) e una copia delle eventuali pubblicazioni.

I vincitori delle borse dovranno far pervenire alla Segreteria dell'Accademia, entro 30 giorni dalla data del conferimento, una lettera di accettazione della borsa nonchè la seguente documentazione:

a) certificato di nascita;

b) certificati di cittadinanza italiana e penale rilasciati in data non anteriore a quella del presente bando;

c) dichiarazione comprovante il possesso dei suddetti requisiti relativi alla non cumulabilità delle borse;

d) certificato di laurea;

e) certificato da cui risulti la posizione relativa agli obblighi di leva.

In mancanza di concorrenti, o qualora non si trovi il numero sufficiente di candidati meritevoli delle borse, l'ammontare previsto per le borse non assegnate potrà andare - su proposta della Commissione giudicatrice - sia ad aumento del capitale, sia per il conferimento di un maggior numero di borse nell'anno successivo.

IL PRESIDENTE
Edoardo Vesentini

 

Roma, 31 luglio 1997