ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI

 

00165 ROMA -- PALAZZO CORSINI -- VIA DELLA LUNGARA, 10

 

CONCORSO A 7 BORSE Dl STUDIO <<ENRICO PERSICO>>

PER STUDENTI ISCRITTI AL CORSO Dl LAUREA IN FISICA

PRESSO LE UNIVERSITA' Dl ROMA PER IL 1997-98

 

L'Accademia Nazionale dei Lincei, in ossequio alla volontà manifestata dal munifico istitutore Prof. Enrico Persico e al fine di onorarne la memoria, bandisce un concorso a 7 borse di studio di lire 3.500.000 ciascuna per l'anno accademico 1997-98 a favore di studenti iscritti a uno dei quattro anni del corso per il conseguimento della laurea in Fisica, presso le Università statali di Roma.

Al predetto concorso non sono ammessi, per espressa volontà del testatore, coloro i quali siano fuori corso da più di un anno.

I concorrenti devono inviare alla Segreteria dell'Accademia Nazionale dei Lincei (Via della Lungara, 10 - 00165 Roma) entro il 29 novembre 1997 (data del timbro postale), la domanda in carta libera con i propri dati anagrafici, diretta al Presidente dell'Accademia, con l'indicazione dell'anno di corso al quale sono iscritti, domanda che deve essere firmata, nel caso che essi non siano maggiorenni, anche da un genitore o dal tutore.

I concorrenti dovranno allegare alla domanda la seguente documentazione:

a) certificato del titolo di studio di scuola secondaria con la votazione conseguita o certificato comprovante le votazioni riportate in tutti gli esami superati del corso universitario. Dal certificato di studio rilasciato dalla Facoltà per gli iscritti al ll, lll e IV anno di corso, deve risultare in modo esplicito la dichiarazione che gli esami sostenuti dal candidato sono effettivamente tutti quelli previsti dal piano di studio consigliato o approvato dalla Facoltà stessa per tutti gli anni di corso precedenti quello d'iscrizione per l'anno accademico 1997-98.

Nella eventualità che i concorrenti non siano in grado di inviare entro il 29 novembre 1997 tale certificato, questo può essere sostituito temporaneamente da una dichiarazione, sottoscritta dall'interessato, dalla quale risulti che gli esami sostenuti alla predetta data, sono effettivamente tutti quelli previsti dal piano di studio per gli anni di corso precedenti l'anno accademico 1997-98. Deve risultare, inoltre, la data del superamento di ciascun esame con le singole votazioni riportate nonchè l'anno di corso al quale il concorrente è iscritto per l'anno accademico 1997-98.

La predetta dichiarazione avrà valore fino al giorno del colloquio al quale il concorrente sarà sottoposto dalla Commissione giudicatrice; saranno esclusi dal concorso coloro i quali, a tale data, non abbiano ancora presentato il regolare certificato di studio.

b) qualsiasi pubblicazione, documento o realizzazione che il candidato ritenga di produrre per provare la sua attività scientifica o tecnica.

I concorrenti iscritti al I anno devono inoltre inviare il certificato comprovante la predetta iscrizione.

Non è ammessa la presentazione di domande o lavori fatta personalmente negli Uffici dell'Accademia da parte degli interessati o da persona da loro incaricata.

La Commissione giudicatrice delle borse, graduati i concorrenti in base alla documentazione presentata, sottoporrà quelli in possesso di titoli adeguati ad un colloquio per la scelta definitiva.

La Commissione è composta di tre membri nominati dalla Classe di Scienze Fisiche, Matematiche e Naturali dell'Accademia dei Lincei prescelti tra i Soci della Categoria Fisica, Chimica e Applicazioni.

Il giudizio della Commissione è inappellabile.

Per espressa volontà del testatore, le predette borse di studio non sono cumulabili con quelle eventualmente concesse ai vincitori da altri Enti. Tali borse non possono essere cumulate neppure con stipendi o retribuzioni di qualsiasi tipo derivanti da rapporti di lavoro pubblico o privato. Ai vincitori sarà pertanto richiesta una dichiarazione in tal senso.

Al termine dell'anno accademico gli assegnatari devono presentare un certificato comprovante gli esami superati e le votazioni riportate.

La Commissione può anche non assegnare alcune delle borse messe a concorso ove, a suo giudizio inappellabile, non si trovi il numero sufficiente di concorrenti meritevoli. In tal caso le borse non assegnate sono messe a concorso l'anno successivo.

A tutti i concorrenti sarà inviata una copia della relazione.

IL PRESIDENTE
Edoardo Vesentini

Roma, 31 luglio 1997